Guerrilla Girls

Le Guerrilla Girls sono un collettivo di artisti e attivisti femministi anonimi e questa è la loro storia di come abbiano portato un’attenzione diffusa sui temi del sessismo e del razzismo nel mondo dell’arte.

Per vedere il filmato sottotitolato in Italiano basta andare sulla rotella impostazioni , sottotitoli, traduzione automatica e scegliere poi la lingua che si preferisce.

Da dove nascono le Guerrilla Girls

New York  Primavera 1985:

Il Museo Di Arte Moderna dava vita alla mostra ” “An international Survey of Recent Paiting and Sculpture”. Questa mostra affermava di “esaminare i più importanti pittori e scultori dell’epoca ” :  165 artisti di 17 Paesi diversi esponevano le loro opere.

165 artisti di fama mondiale così divisi: – 13 donne – Artisti di colore che avevano un percentuale ancora minore e non c’era traccia di donne tra loro.

guerrilla girls

Così  sette donne lanciarono le Guerrilla Girls in risposta alla mostra: utilizzando la cultura jamming  sotto forma di poster, libri, cartelloni pubblicitari e apparizioni pubbliche per denunciare la discriminazione e la corruzione. Per rimanere anonimi, i membri indossarono -lo fanno tutt’ora- maschere di gorilla e usano pseudonimi che si riferiscono ad artiste decedute.  “Principalmente, volevamo che l’attenzione fosse concentrata sulle questioni, non sulle nostre personalità o sul nostro lavoro”. Guerrilla Girls

Nuovo Format

“Dovevamo avere una nuova immagine e un nuovo tipo di linguaggio per fare appello a una generazione più giovane di donne”

Si resero conto da subito che  gli strumenti degli anni ’70 come picchetti e marce erano inefficaci vista la facilità con cui il  MoMA ignorò 200 manifesti dal Caucus Femminile per l’arte, “Dovevamo avere una nuova imagine e un nuovo tipo di linguaggio per fare appello a una generazione più giovane di donne”, ricorda una delle Guerrilla Girls fondatrici “Luibov Popova”.

Così le prime attiviste hanno affrontato questioni cupe e poco divertenti come la violenza sessuale, ispirando le Guerrilla Girls a mantenere intatto il loro spirito, avvicinandosi al loro lavoro con arguzia e risate, prevenendo così un contraccolpo.

Sono passati più di 30 anni e  le Guerrilla Girls sono più politiche che mai, più consapevoli, più agguerrite di quanto lo fossero in quella primavera del  1985.

Nel 2006 hanno lavorato su un video che accusa la mancanza di diversità presso il Minneapolis Institute of Art, non contente hanno realizzato  un enorme cartellone pubblicitario che denuncia come i collezionisti d’arte miliardari esercitino sempre più controllo sui musei. Infine  al Tate Modern, hanno lanciato il Guerrilla Girls’ Complaints Department, che permette ai visitatori di esternare qualsiasi problematica stia loro a cuore, comprese critiche aperte al museo in questione.

Sono tra noi, ma mai saprai  chi sono. 

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. me encantei com este site. Pra saber mais detalhes acesse nosso site e descubra mais. Todas as informações contidas são informações relevantes e exclusivas. Tudo que você precisa saber está ta lá.

  2. Este site é realmente fantástico. Sempre que consigo acessar eu encontro coisas incríveis Você também vai querer acessar o nosso site e descobrir detalhes! Conteúdo exclusivo. Venha descobrir mais agora! 🙂

  3. Sang Bermejo

    Excellent goods from you, man. I’ve understand your stuff previous to and you are just too excellent. I really like what you have acquired here, certainly like what you’re stating and the way in which you say it. You make it enjoyable and you still care for to keep it wise. I cant wait to read far more from you. This is actually a terrific web site.

  4. zoritoler imol

    It is really a nice and useful piece of information. I?¦m glad that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.

Lascia un commento