Insein – Viaggio tra le Torture di ieri e di oggi

Siamo a Yangon,  capoluogo dell’omonima Regione di Yangon,è la più grande città del Myanmar, di cui è stata la capitale fino al 2005.

E’ famosa per molti suoi aspetti, tra cui uno dei più mostruosi:

la sua prigione a forma circolare: La prigione di Insein

diventata famigerata per le sue dure condizioni e per la tortura dei prigionieri durante mezzo secolo di dittatura militare.

Per oltre 130 anni, la prigione di Insein è stata il centro della brutalità per le sue condizioni disumane, la corruzione, l’abuso dei detenuti e l’uso della tortura fisica e mentale.

Insein -Le Testimonianze-

Le testimonianze di un ex prigioniero ci riportano i seguenti fatti:

“A Insein, le malattie e gli infortuni di solito non vengono curati. Quando avevamo la febbre non ci davano mai medicine. Se la condizione diventava molto grave, solo allora ti mandavano all’ospedale della prigione, dove morivano molte persone. I detenuti malati volevano andare all’ospedale, ma le guardie non ce li mandavano mai, o almeno, finché non fosse già troppo tardi.

In tanti morivano una volta arrivati ​​in ospedale.

Ho avuto la febbre ma non volevo andare al loro ospedale, perché avevo paura dei loro aghi sporchi e delle malattie contagiose.

In ospedale hanno medici, ma non abbastanza medicine”. 

Winston Htoo

Lo stesso prigioniero ha continuato:

” Ci hanno permesso di fare il bagno una volta al giorno. Dovevamo allinearci in file di 5 uomini alla volta, e ci venivano concesse 5 ciotole d’acqua, poi sapone, poi altre 7 ciotole d’acqua.

I problemi erano che a volte non c’era acqua, quindi non ci lasciavano fare il bagno… A malapena riuscivamo a bere acqua.

 C’erano latrine in 2 posti: uno fuori dalla stanza per il giorno e l’ altro nella stanza per la notte. Entrambe avevano sempre delle guardie, e per usarle bisognava corromperle con 2 sigari. La latrina era solo un secchio, senza acqua.

Winston Htoo

L’ex detenuto politico continua:

“Molte volte ho visto prigionieri picchiati e torturati, di solito per aver rubato, giocato d’azzardo o litigato.

 Prima le guardie li picchiavano con un tubo di gomma, poi li portavano sul sentiero di ghiaia, creato da loro stessi, e ordinando alle vittime di strisciarci sui gomiti e sulle ginocchia. 

I torturati poi venivano inseguiti da 2 o 3 cani che mordevano loro le gambe. Per sfuggire al loro morso, le vittime cercavano di strisciare verso la cella il più velocemente possibile sulla ghiaia, grattando via tutta la pelle dai gomiti e dalle gambe. Ho visto queste scene almeno una o due volte al mese, soprattutto nella stagione calda, perché essendo tutti in un’area molto ristretta c’erano molti più litigi.”

Winston Htoo

Proteste all’interno del carcere 

1991 sciopero della fame dei prigionieri 

Secondo il resoconto di un ex detenuto, nel 1991 diversi detenuti hanno fatto uno sciopero della fame, chiedendo cure adeguate e il diritto di leggere i giornali. Tuttavia, le loro richieste non sono state soddisfatte e i prigionieri sono stati torturati venendo inseguiti attraverso il sentiero di ghiaia. 

2008 fucilazione di massa di detenuti 

Il 3 maggio 2008, oltre 100 prigionieri sono stati fucilati dalle guardie della prigione causando la morte di 36 detenuti. Altri quattro detenuti sono stati successivamente torturati e uccisi dalle guardie carcerarie che pensavano fossero i capobanda della protesta iniziale culminata nella sparatoria di massa. 

Sciopero della fame dei prigionieri del 2011 

Il 24 maggio 2011, il governo del Myanmar ha reagito allo sciopero della fame di circa 30 prigionieri politici nel carcere, costringendo i capi della banda all’isolamento. Lo sciopero della fame è iniziato quando sette detenute hanno protestato contro un programma di amnistia dei prigionieri del governo che non includeva la maggior parte dei detenuti politici. Il 23 maggio, 22 prigionieri maschi, tra cui tre monaci buddisti, si sono uniti alla protesta, chiedendo migliori condizioni di vita carceraria e migliori diritti di visita dei familiari.  Aung Din, direttrice esecutiva della campagna statunitense per la Birmania con sede a Washington, riporta:

“Le ultime informazioni che abbiamo ricevuto sono che sei dei ‘capi’ dello sciopero del gruppo maschile sono stati trasferiti in quella che è conosciuta come la ‘cella del cane’, un piccolo blocco di celle dove potrebbero essere torturati e le visite dei familiari sono non autorizzate.”

Aung Din

Insein -Oggi-

Dal colpo di stato del 1 febbraio, giornalisti, leader eletti e manifestanti pro-democrazia sono stati trattenuti nella struttura.

Ora, con l’ esercito del Myanmar tornato al controllo dopo un colpo di stato del 1 febbraio , la vecchia prigione è diventata una parte centrale della continua repressione contro il movimento pro-democrazia nella nazione del sud-est asiatico. La giunta ha detenuto più di 4.300 persone da febbraio, secondo un gruppo per i diritti umani. La destinazione principale è stata Insein, il più importante dei 56 penitenziari.

Il giornalista giapponese Yuki Kitazumi ha recentemente trascorso più di un mese a Insein dopo essere stato arrestato dalla giunta, che prima ha affermato di aver violato la legge sull’immigrazione e poi lo ha accusato di un acquisto illegale di video.

Ha trascorso il suo tempo in una cella isolata a Insein, in quello che ha descritto come un “edificio VIP”, tra una manciata di prigionieri politici. Più di 100 altri prigionieri, tuttavia, erano stipati in un’unica stanza dove era difficile muoversi.

“La maggior parte dei prigionieri politici sono stati torturati nel complesso militare, dove i compagni di cella hanno subito abusi mentre erano bendati durante gli interrogatori.”

“A un uomo è stato chiesto di scegliere: un coltello o una pistola?”

Egli scelse la pistola. E poi l’interrogatore mettendogliela molto vicino alla testa iniziò l’interrogatorio”.

Kitazumi 2021

Rilasciato illeso e riportato in aereo a Tokyo all’inizio di questo mese, Kitazumi, che attribuisce la sua libertà alla nazionalità, ha anche affermato che i prigionieri sono stati costretti a mangiare dal pavimento di cemento con le mani ammanettate dietro la schiena.

Bibliografia:

Winston Htoo. 2007. CURRENT CONDITIONS IN INSEIN PRISON [online] Disponibile su: https://web.archive.org/web/20070705233307/http://www.khrg.org/khrg93/93_12_05.html [Accesso effettuato 01 giugno 2021].

Richard C. Paddock.2021. They Call It ‘Insane’: Where Myanmar Sends Political Prisoners [online] New York Times Disponibile su: https://www.nytimes.com/2021/05/29/world/asia/myanmar-prison-coup.html?searchResultPosition=1 [Accesso effettuato 01 giugno 2021].

Tommy Walker2021. Hundreds of Political Prisoners Held in Notorious Yangon Jail, Those Released Say [online] Disponibile su : https://www.voanews.com/east-asia-pacific/hundreds-political-prisoners-held-notorious-yangon-jail-those-released-say [Accesso effettuato 01 giugno 2021].

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. home staging

    amei este site. Pra saber mais detalhes acesse nosso site e descubra mais. Todas as informações contidas são conteúdos relevantes e exclusivos. Tudo que você precisa saber está ta lá.

  2. zoritoler imol

    This web site is really a walk-through for all of the info you wanted about this and didn’t know who to ask. Glimpse here, and you’ll definitely discover it.

  3. Google Sites

    Are you writing the articles in your website yourself or you outsource
    them? I am a blogger and having difficulty with content.

    Other bloggers told me I should use an AI content writer, they
    are actually pretty good. Here is a sample article
    some bloggers shared with me. Please let me know what your opinion on it and
    should I go ahead and use AI – https://sites.google.com/view/best-ai-content-writing-tools/home

Lascia un commento