Lidia Menapace

«[…]Poiché ho ribattuto che possiamo cominciare a sessuare il linguaggio nei miliardi di volte in cui si può fare senza nemmeno modificare la lingua, e poi ci occuperemo dei casi difficili, ecco subito di nuovo a chiedermi perché mai mi sarei accontentata di così poco. Se è tanto poco, dicevo, perché non si fa?

Non si fa perché il nome è potere, esistenza, possibilità di diventare memorabili, degne di memoria, degne di entrare nella storia in quanto donne, non come vivibilità, trasmettitrici della vita ad altri a prezzo della oscurità sulla propria. Questo è infatti il potere simbolico del nome, dell’esercizio della parola. Trasmettere oggi nella nostra società è narrarsi, dirsi, obbligare ad essere dette con il proprio nome di genere » (prefazione a Parole per giovani donne, 1993).

Lidia Menapace  Novara 1924 – Bolzano 2020

PACIFISTA, STAFFETTA PARTIGIANA E TESTIMONE DELLA RESISTENZA

FEMMINISTA COME PIACE A NOI

Nel 1945 Menapace si laurea in letteratura italiana con il massimo dei voti e una tesi che, come racconta l’Enciclopedia delle donne, viene definita “frutto di un ingegno davvero virile”. Lei non si tira indietro dal ribattere prontamente che invece la candidata è proprio una donna e quindi casomai “isterica”, ma non certo virile.

“Poiché ho ribattuto che possiamo cominciare a sessuare il linguaggio nei miliardi di volte in cui si può fare senza nemmeno modificare la lingua, e poi ci occuperemo dei casi difficili, ecco subito di nuovo a chiedermi perché mai mi sarei accontentata di così poco. Se è tanto poco, dicevo, perché non si fa?Non si fa perché il nome è potere, esistenza, possibilità di diventare memorabili, degne di memoria, degne di entrare nella storia in quanto donne, non come vivibilità, trasmettitrici della vita ad altri a prezzo della oscurità sulla propria. Questo è infatti il potere simbolico del nome, dell’esercizio della parola. Trasmettere oggi nella nostra società è narrarsi, dirsi, obbligare ad essere dette con il proprio nome di genere “

“Se mi chiedete di raccontare la mia vita lunga oltre 90 anni, ci metterei un sacco di tempo e sarebbe un disastro per voi ascoltarmi…”.

È stata staffetta partigiana,  sempre senza toccare le armi.

“Alla fine vengo ‘congedata’ col brevetto di ‘partigiano combattente’ (ovviamente al maschile) e col grado di sottotenente e divento furiosamente antimilitarista”, racconta in un contributo pubblicato dalla Libera università delle donne.”

Lei rifiuta il titolo e anche il riconoscimento economico: non aveva fatto la guerra come militare, spiega nel libro Resistè, e la lotta antifascista per la libertà non aveva un prezzo.

“Ragazze siate indipendenti economicamente e poi fate quello che volete, cambiate pure uomo, l’importante è che non gli chiediate i soldi per le calze, perché non si può essere indipennti nella testa se si è dipendente nei piedi”

Nota Personale:

Per ricordare quanto siamo ancora allo stato primordiale per ciò che riguarda la parità di nome:

Era il 1993 quando veniva espresso il pensiero con cui apriamo questo articolo; oggi 2021 la cassa degli architetti Sarda  ha accettato la dicitura “Architetta”, prima di loro solo Bergamo, Roma, Torino, Milano, Modena e Treviso ed era comunque il 2017.

Che pionieri mi vien da dire…

Fa riflettere, vero? Se il nome è potere, appropriamoci dei nostri nomi tanto faticosamente ottenuti: medica, architetta, sindaca, ingegnera.

Fa sorridere? Forse. Possiamo però prenderci il lusso di aspettare altro tempo per lasciare che la nostra professionalità scorra via come l’acqua di di un fiume? Vi invito a consultare la convenzione di Istanbul che sancisce (cap. 3.12) l’obbligo di «promuovere i cambiamenti nei comportamenti socio-culturali delle donne e degli uomini, al fine di eliminare pregiudizi, costumi, tradizioni e qualsiasi altra pratica basata sull’idea dell’inferiorità della donna o su modelli stereotipati dei ruoli delle donne e degli uomini».

Questo articolo ha 5 commenti.

  1. demais este conteúdo. Gostei muito. Aproveitem e vejam este site. informações, novidades e muito mais. Não deixem de acessar para descobrir mais. Obrigado a todos e até a próxima. 🙂

  2. collingwood homes for sale

    amei este site. Pra saber mais detalhes acesse nosso site e descubra mais. Todas as informações contidas são conteúdos relevantes e diferentes. Tudo que você precisa saber está está lá.

  3. Alton Arrant

    fantastic put up, very informative. I’m wondering why the opposite specialists of this sector do not realize this. You must proceed your writing. I am sure, you’ve a great readers’ base already!

  4. zoritoler imol

    I have not checked in here for some time as I thought it was getting boring, but the last several posts are great quality so I guess I will add you back to my everyday bloglist. You deserve it my friend 🙂

  5. you’re in reality a excellent webmaster.
    The site loading pace is amazing. It sort of feels that
    you are doing any unique trick. In addition, The contents are masterwork.
    you have done a excellent activity on this subject!

Lascia un commento